ASSISTENZA CLIENTI:
FAQ NEWSLETTER

Blog

Articolo del blog

media
06 giugno 2022

Estate e gravidanza: come influisce il caldo sulla gestazione?

Affrontare una gravidanza in estate può essere difficile, ma non impossibile e, soprattutto, non è detto che debba per forza costringerci a muoverci di meno e a evitare il sole.

È chiaro che il corpo della donna richiede energie supplementari per mandare avanti la gestazione, soprattutto quando il caldo porta a spossatezza, affanno, gambe gonfie e cali di pressione.

Ma vediamo insieme come l’aumento delle temperature influisce sulla gestazione e come comportarsi per restare in forze ed evitare rischi.

I rischi del caldo e del sole in gravidanza

In linea generale, la percezione del caldo sale contestualmente all’aumento della produzione di progesterone e a pesare sulla propria salute ci sono anche le variazioni ormonali e l’ingrandimento dell'utero che rallentano il ritorno venoso e possono portare ad avere gambe e piedi gonfi o pesanti.

Tra i gli eventi più rischiosi cui si va incontro in estate c’è il colpo di calore, che può conseguire a un intenso stress termico e che può causare un’alterazione delle funzioni volte alla termoregolazione corporea. È un disturbo che è meglio evitare in generale e che porta ad avere la pelle calda e disidratata, improvviso blocco della sudorazione, abbassamento della pressione e aumento della temperatura.

Protezione e buone abitudini

Nel corso del primo trimestre, quando ci si espone al sole, è bene applicare sempre una protezione totale, per evitare il rischio cloasma, un inestetismo dovuto all’aumento di melanina, che può portare alla formazione di macchie scure sulla pelle che sono poi difficili da rimuovere.

Durante il secondo trimestre, pur sempre con moderazione, è possibile trascorrere più tempo al sole (sempre con la giusta protezione) facendo attenzione alla sottile linea scura che può formarsi all'altezza dell'addome, che può anche scurirsi e non andar via dopo il parto, specialmente se ci si espone al sole in maniera errata.

Nel terzo trimestre si può stare più serene al sole, anche se la crema protettiva e le pause all’ombra nelle ore di sole intenso sono sempre obbligatorie. In questo frangente, il sistema circolatorio delle gambe potrebbe essere messo sotto sforzo dal caldo e dall’aumento di peso ed è fondamentale, quindi, approfittare del mare ed effettuare delle passeggiate in acqua.

Nell’ultimo periodo la pancia è più al sicuro, per cui basta evitare di passare in maniera repentina dal sole all'acqua fredda e seguire sempre il buonsenso.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.