ASSISTENZA CLIENTI:
FAQ NEWSLETTER

Blog

Articolo del blog

media
27 luglio 2021

Scottature solari: cosa sono, come evitarle e come curarle

Le scottature sono un vero e proprio disturbo della cute e possono essere di diversa gravità, andando dalla scottatura semplice (quando vengono colpiti gli strati di cute più superficiali) all’ustione di primo o secondo grado.

Sono spesso dovute a una scorretta esposizione al sole o all’assenza di una giusta protezione solare, e si manifestano con arrossamenti, dovuti al fatto che i raggi del sole portano a un incremento dell'afflusso di sangue nelle zone di cute foto-esposte e portano al rilascio di citochine e mediatori dell'infiammazione.

Come evitarle

L’abbronzatura, quella sana, è la conseguenza di un processo dolce che non può prescindere dall’utilizzo della crema solare, che protegge e aiuta a colorare la pelle gradualmente e a mantenere la tintarella più a lungo.

È importante, quindi, per evitare scottature, applicare sempre sulla pelle un prodotto solare selezionato in base al proprio tipo di cute e al colore di occhi, incarnato e capelli, che definiscono al proprio fototipo.

Anche quando si ha una cute scura o già abbronzata è sempre importante non restare al sole nelle ore più intense (dalle 11 alle 15), stando all’ombra oppure indossando cappelli e vestiti di cotone traspiranti.

Se usiamo prodotti solari waterproof, è sempre meglio ri-applicarli dopo essersi fatti il bagno per regalare alla pelle una protezione duratura.

Alimentazione

Dato che l’azione del sole stimola l’azione ossidante dei radicali liberi, è importante assumere dei principi antiossidanti, come le vitamine E, C, A, minerali e bioflavonoidi, di cui sono ricche la frutta e la verdura di stagione.

Il beta carotene, nello specifico, presente in gran parte della frutta e della verdura di colore arancione/giallo, è un pigmento precursore della vitamina A, che stimola la produzione di melanina che, a sua volta, è l’ormone regolatore del colore della pelle.

Come curarle

In caso di scottature, è importante abbassare la temperatura della pelle, con acqua fredda (e non con il ghiaccio), e applicando una crema o un gel ricco di principi lenitivi, nutrienti e idratanti.

Nel caso in cui il disturbo sia lieve, ci si può rifare a rimedi naturali come:

  • La Calendula: ricca di flavonoidi che esplicano un’azione antiossidante e protettiva sul microcircolo, oltre a essere antinfiammatoria.

  • L’Aloe Vera: esplica azioni rigeneranti e antiossidanti per la pelle.

  • Il cetriolo: apporta acqua, vitamine e sali minerali che donano un’azione sgonfiante, lenitiva e decongestionante.

  • Il latte di cocco: emolliente e lenitivo.

Quando la scottatura porta anche prurito, si possono assumere degli antistaminici specifici, oppure, quando si presentano infezioni, ci si può rifare agli antibiotici. È possibile, sempre in questi casi, applicare creme che contengono ossido di zinco e magnesio silicato che donano azioni astringenti e antiprurito.

Nei casi più gravi, si possono utilizzare creme cortisoniche, ma non per periodi troppo lunghi.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.